Come riutilizzare i libri vecchi

Se il tema della plastica e il riciclo di materiali non computabili sta invadendo i social, i giornali, i tg, le radio, siti web e blog (anche quello che stai leggendo ora!) vi è il macro tema – il riciclo – che è trasversale e non riguarda solo questo materiale ma anche tutte quelle cose, di natura diversa, che è bene sbarazzarsene senza inquinare. Un esempio sono i libri: scaffali pieni di volumi che non abbiamo mai letto, ci hanno appartenuto in ere geologiche passata e volumi il cui contenuto oggi non ha più senso. Come riutilizzare i libri vecchi è quindi il pensiero dominante in quelle fasi dell’anno (per alcuni anche decennali!) in cui si decide di fare ordine, ripristinare un certo seno di pulizia e si decide – finalmente – di conservare sono ed esclusivamente quello che è utile, ci fa stare bene e ha un senso in relazione alla nostra vita. 

Nei prossimi due minuti circa ti mostrerò cosa fare con i libri vecchi e in particolare: 

  • Lampada da tavolo
  • Testiera del letto
  • Comodino
  • Scultura con libri
  • Mensole
  • Capita purtroppo sempre più spesso di trovare libri buttati via per strada. Eppure vi sono almeno quattro modi alternativi per sbarazzarsi dei volumi che non ci servono più, tali da evitare l’abbandono senza cuore né cultura sul ciglio di una strada. Credo che disfarsene non sia un reato. Mi piace pensare che tutti quelli che hanno necessità di farlo siano romantici accumulatori di libri, appassionati delle letterature di ogni parte del mondo, uomini e donne che ad un tratto non hanno “non hanno poi così tanto spazio” ed allora ecco che se ne disfano per necessità. So che la realtà dei fatti è “leggermente” diversa, ma a me piace pensarla così.

    Dunque, cosa fare con i libri che non si usano più?

    Una lampada da tavolo

    Immagina una pila di libri che non leggi più. Ora immagina di disporli leggermente sfalsati così da creare stabilità e inserisci sopra l’applique tradizionale della lampada; il gioco è fatto.

    Lampada realizzata con libri riciclati. Fonte Google immagini.

    La testiera del letto

    Che sia un’intera parete oppure che questa diventanti la tessera del letto, disporre libri aperti e fermarli ben bene così che non si muovano di un millimetro, è un’idea molto originale per riutilizzare i libri vecchi.

    La parete di libri: fonte UnSplash.

    Un comodino

    Creatività, spesso, fa anche rima con riciclare i libri vecchi creando un comodino. Quello che ho trovato su Google immagini è davvero molto interessante: questa base è stata creata semplicemente incollando i libri e dipingendoli con vernice bianca.

    Il comodino: fonte Google immagini.

    Una cultura con i libri

    Il book folding, invece, è l’arte di creare delle vere e proprie sculture con i libri. Diventano delle vere e proprie opere d’arte che meritano di essere esposte. Con questo termine si indicano gli oggetti interamente realizzati con le pagine dei libri. Guarda un po’ questo vaso.

    Oggetto fatto di “libri”: fonte Pinterest.

    Le mensole

    I libri che non amiamo più possono diventare comode mensole per attrezzare le pareti del salotto, dello studio oppure della zona notte. Basta fissare alla parete un supporto, porci i libri impilati ed incollati sopra e fissare bene il tutto. 

    Mensole fatte di “libri”: fonte Pinterest.

    Cosa fare dunque con i libri vecchi?

    Se queste idee non ti bastano ne ho delle altre. Non buttare via i libri dee essere la tua priorità. Tantissime librerie ormai hanno implementato il servizio di gestione dei libri usati così come le biblioteche sono sempre alla ricerca di libri per riempire gli scaffali di nuove proposte. E poi c’è il book crossing, spazi di locali pubblici e/o privati in cui si trovano libri già letti, nuovi oppure mai letti a disposizione di chiunque voglia prenderli in prestito. Un esempio di questo genere è l’officina di ricambi di vetri per auto di Marianna (leggi la sua storia!) oppure il B&B Letterario Alsognalibro, a Grosseto. Qui Paolo fa trovare ad ogni ospite un libro.

    Vi sono davvero così tanti modi piuttosto che buttar via la cultura, non trovi!?

Leave a Comment

*Please complete all fields correctly