Mostre d'arte in autunno | popFilosofia.it

Mostre d’arte in autunno, quali visitare?

Tra le cose più belle che ho portato con me dal mio ultimo viaggio a Parigi, ci sono sicuramente i Musei e le mostre d’arte che ho visitato. Louvre, Musée d’Orsay percorsi meravigliosi tra sculture e pitture di epoche diverse. Questo “bagno nell’arte” ha mosso la ricerca delle mostre d’arte in autunno che è possibile visitare in Italia. La mia ricerca ha portato ottimi frutti: dal surrealismo di de Chirico e Mirò, tra Milano e Napoli, ai reperti dell’antica Cartagine al Colosseo, fino ad arrivare a Chagall, a Bologna. 

Qui Milano: de Chirico e gli impressionisti al Palazzo Reale.

Un viaggio tra gli enigmi e i misteri della pittura di Giorgio De Chirico, inventore instancabile, tra i più geniali e controversi protagonisti dell’arte del ventesimo secolo.

Dal 25 settembre al 31 dicembre, al Palazzo Reale di Milano, è aperta la mostra di de Chirico.  Le opere provengono dai principali musei internazionali tra cui il Metropolitan Museum of Art di New York, la Tate Modern di Londra, il Centre Pompidou di Parigi, The Menil Collection di Houston, collezioni private e Musei Italiani come la Pinacoteca di Brera, il Museo del Novecento di Milano, il MART di Rovereto, la GAM di Torino, la Peggy Guggenheim di Venezia, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma. La sua pittura metafisica verrà raccontata attraverso un focus sulle immagini e sugli ambiti che lo hanno ispirato (come, ad esempio, la mitologia greca e il rapporto del pittore con la figura materna); e attraverso il rapporto con i pittori surrealisti come René Magritte, Max Ernst e Salvador Dalì, i quali rimasero completamente affascinati dal suo lavoro.

Mostre d’arte in autunno

Per godere di Van Gogh, sempre a Milano, bisognerà attendere il 17 ottobre, giorno dell’apertura della mostra La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso, in esporizione fino al 1 marzo 2020. A Palazzo Reale si potranno ammirare i capolavori di Renoir, Picasso, Manet e Kandinsky, per un totale di 49 opere provenienti direttamente dal Guggenheim di New York. Un’occasione più unica che rara di vedere le opere dei più grandi esponenti dell’impressionismo. 

Qui Bologna: Chagall a Palazzo Albergati

Dal 20 settembre fino al 1 marzo 2020 a Palazzo Albergati, a Bologna, è possibile visitare la mostra Chagall. Sogno d’amore. Saranno mostrate al pubblico ben 150 opere, provenienti da collezioni private, tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni per raccontare la vita, l’opera e il sentimento di Chagall. Dolores Duràn Ucar cura questa i cui temi più importanti sono: la tradizione russa; il rapporto con i letterati e i poeti; il senso del sacro e la profonda religiosità che si riflettono nelle creazioni ispirate alla Bibbia; l’interesse per la natura e gli animali e le riflessioni sul comportamento umano; il mondo del circo; e, ovviamente, l’amore, che domina le sue opere e dà senso all’arte e alla vita. Qui per acquistare i biglietti.

Sempre a Bologna, dal 12 ottobre al 12 gennaio 2020, a Palazzo Pallavicini, sarà possibile ammirare le opere di Botero. L’esposizione, articolata in sette sezioni, riguarda personaggi legati alla tauromachia e al circo, nature morte, delicati nudi, personalità religiose, individui colti nella propria quotidianità. Libertà creativa e monumentalità rappresentano il fil rouge dell’esposizione, il cui allestimento è stato progettato con l’Accademia di Belle Arti di Bologna, in collaborazione con il Biennio specialistico in Scenografia e allestimenti degli spazi espositivi e museali. Qui per acquistare i biglietti e ricevere maggiori informazioni. 

Mostre d’arte in autunno

Qui Roma: Canova, Cartagine, gli impressionisti segreti e Frida Kalo

A Palazzo Braschi, a Roma, da mercoledì 9 ottobre al 15 marzo 2020 sarà possibile visitare la mostra Eterna bellezza, dedicata al rapporto tra Canova e Roma. Attraverso 13 sezioni sarà possibile ripercorrere le esperienze e le ispirazioni che lo scultore visse e sperimentò fin dal suo primo viaggio a Roma, nel 1779. Qui per acquistare i biglietti. 

Si protrarrà invece fino al 29 marzo 2020 una di quelle che potremo definire “mostra-evento”: Carthago. Il mito immortale, la prima grande esposizione tutta dedicata alla storia e alla civiltà di Cartagine. Oltre 400 reperti, provenienti dalle più prestigiose istituzioni museali italiane e straniere, grazie a prestiti straordinari, frutto di un lavoro assiduo di cooperazione internazionale, saranno esposti negli spazi del Colosseo e del Foro Romano. Qui per acquistare i biglietti.

Da domenica 6 ottobre fino all’8 marzo è possibile visitare la mostra Impressionisti segretiprodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia per celebrare l’apertura al pubblico di Palazzo Bonaparte, a seguito delle ristrutturazioni, nelle meravigliose sale del piano nobile dove visse Maria Letizia Ramolino, madre di Napoleone Bonaparte, saranno esposte oltre 50 opere di artisti tra cui Monet, Renoir, Cézanne, Pissarro, Sisley, Caillebotte, Morisot, Gonzalès, Gauguin, Signac, Van Rysselberghe e Cross. Qui per acquistare i biglietti sulla mostra.

Mostre d'arte in autunno | popFilosofia.it
Mostre d’arte in autunno | popFilosofia.it

Dal 12 ottobre al 29 marzo 2020, invece, presso Set Spazio Eventi Tirso, sarà possibile ammirare la mostra-evento Frida Kahlo, il caos dentro, esposizione multimediale, opere originali e fotografica, dedicata alla grande artista messicana e al marito, Diego Rivera. La mostra racconta il loro universo artistico e sentimentale, con intere sezioni tematiche come ad esempio: il racconto della Casa Azul, l’abitazione all’estrema periferia di Città del Messico dove visse la coppia, ricostruita virtualmente con il suo verde giardino, le sale interne, lo studio, la camera da letto della pittrice, con tante opere riprodotte, fotografie in bianco e nero e a colori, ritratti e primi piani di Frida, assieme a momenti di serenità della coppia. Qui per acquistare i biglietti.

Qui Napoli: Mirò e Warhol 

Fino al 23 febbraio 2020 al PAN, Palazzo delle Arti di Napoli c’è Joan Miró. Il linguaggio dei segni , un modo fantastico e onirico allo stesso tempo, di raccontare un artista meraviglioso. Ben ottanta tra quadri, disegni, sculture, collage e arazzi, tutte provenienti dalla straordinaria collezione di proprietà dello Stato portoghese. Le opere esposte (che riguarda la sua produzione dal 1927 al 1986) sono il racconto perfetto dell’evoluzione dello stile di questo straordinario artista che riesce a trasformare i diversi oggetti che compongono le sue opere in segni visivi, anticipando il linguaggio dell’arte del Ventesimo secolo. 

Sempre fino al 23 febbraio 2020 presso la Basilica della Pietrasanta – Lapis Museum vi sarà un’intera esposizione dedicata al mito di Andy Warhol, dal titolo La vera essenza di Warhol. Oltre 200 opere, una selezione di tutta la produzione artistica, regalano al pubblico una visione completa della produzione artistica del genio americano in grado di rivoluzionare completamente il concetto di opera d’arte. In particolare la mostra regala un’intera sezione sarà dedicata all’Italia con un focus sulla città di Napoli. Qui per acquistare i biglietti. 

Leave a Comment

*Please complete all fields correctly